Novità introdotte dal decreto legislativo n. 4 del 16 gennaio 2008 relativamente a MUD, registri di carico e scarico

Il 29/01/08 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.24 il decreto legislativo 16 gennaio 2008 n.4 "Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 Aprile 2006, n.152 recante norme in materia ambientale".

Il presente decreto è entrato in vigore il 13 febbraio 2008.

Di seguito si riportano le novità introdotte dal suddetto decreto legislativo approvato dal consiglio dei Ministri il 21/12/2007,  con riferimento alla parte quarta del decreto, interessano:

M.U.D.

Viene in parte riformulato l'articolo 189 del D.Lgs. 152/2006:

1. Si introduce l'obbligo di presentazione del M.U.D. per i produttori di rifiuti speciali non pericolosi derivanti da:

 -  lavorazioni industriali

 -  lavorazioni artigianali

 -  attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque  e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi

Questi produttori, tuttavia, sono esclusi dall'obbligo, esclusivamente in relazione alla produzione di rifiuti non pericolosi - nell'ipotesi in cui non superino i 10 dipendenti.

TUTTI I PRODUTTORI DI RIFIUTI PERICOLOSI SONO OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DEL M.U.D..

2. Si specifica che le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi non sono soggette all'obbligo di presentazione del M.U.D.. Sono quindi tenuti all'obbligo i trasportatori dei propri rifiuti pericolosi indipendentemente dalla quantità trasportata.

 Registro di Carico e Scarico dei rifiuti

A partire dal 13 Febbraio 2008, i registri di carico e scarico rifiuti devono essere "numerati e vidimati dalla Camere di Commercio territorialmente competenti". Così dispone l'art. 190, comma 6, del D.lgs  n. 152/2006, come modificato dall'art.2, comma 24-bis del D.Lgs. 16 Gennaio 2008, n.4.

I Registri di Carico e Scarico sono stati istituiti dal Decreto Ministeriale n. 148 del 1 aprile 1998, con modifiche apportate dai decreti legislativi n. 152/2006 e n. 4 /2008.

L'ufficio Legislativo del Ministero dell'Ambiente , della Tutela del Territorio e del Mare, con nota prot. n. 1861 del 13 febbraio 2008 ha precisato che i registri di carico e scarico vidimati in precedenza dall'Agenzia  delle entrate ed in uso possono essere utilizzati sino al loro esaurimento.

I Registri di Carico e Scarico in uso ma non vidimati non possono più essere utilizzati ed è necessario presentare alla Camera di Commercio nuovi registri da vidimare.

I registri di carico e scarico dei rifiuti possono essere vidimati presso la sedi della Camera di Commercio. Ogni registro che viene portato alla Camere di Commercio deve essere accompagnato dal Modello L2, che identifica il registro e dal versamento dei diritti di segreteria. 

La vidimazione di ogni registro è soggetta al versamento dei diritti di segreteria € 30,00.

I formulari di accompagnamento dei rifiuti, invece, possono essere vidimati gratuitamente sia presso la Camera di Commercio, sia presso l'Agenzia delle Entrate.

Per ogni ulteriore chiarimento siamo a vostra disposizione.

 

Home